lunedì, Settembre 26, 2022
Home » Il Consiglio Comunale di Castrovillari ha approvato all’unanimità la cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto”

Il Consiglio Comunale di Castrovillari ha approvato all’unanimità la cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto”

by Redazione
0 commento

La Città di Castrovillari,  attraverso l’intero Consiglio comunale, riunito in seconda convocazione, giovedì 28 aprile,  ha attribuito coralmente, all’unanimità, la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, in seguito all’istanza del  marzo scorso da parte della Legione Carabinieri ed a seguito del centenario della traslazione (nel Sacello dell’Altare della Patria a Roma) della salma non identificata del soldato che  avvenne il 4 novembre 1921 nonché del progetto “Milite  Ignoto, Cittadino d’Italia”, con le corrispondenti manifestazioni in ogni parte del Paese, promosso dal Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare in collaborazione con l’Anci e il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni  d’Arma che si concluderanno il 2 giugno prossimo dopo l’avvio nel 2021 , a giusto riconoscimento di colui che, pur rimasto senza “identità”, è simbolo, del comune sentire per il sacrificio di tanti a servizio della  Patria e della Libertà.

La consegna ufficiale della deliberazione avverrà in un apposito evento, con l’intera assise ed i Carabinieri, come proposto (e approvato da tutti) dal Sindaco Domenico Lo Polito, relatore ed illustratore del punto, durante il quale ha raccontato gli eventi che portarono a scegliere la salma di quel soldato tra undici “senza nome” ed alla sua traslazione.

A sottolineare validità e portata del gesto esponenti di maggioranza, attraverso i consiglieri Carmine Vacca, Giuseppe Russo, Francesca Dorato, Gaetano La Falce, Cristina Cosentino e Pina Grillo, nonché di minoranza con Anna De Gaio e Carlo Lo Prete, oltre al presidente del Consiglio Peppe Santagada.

Tutti hanno affermato e motivato, a partire da più chiavi di lettura, il significato profondo, per il capoluogo del Pollino, del conferimento, importante per dichiarare il valore dell’Appartenenza, della Memoria e della Dedizione nei confronti della Patria, ma anche verso i diritti inviolabili e fondamentali, ed ancora il ruolo didattico ed educativo che portano con loro, urgente  per le nuove generazioni, per la loro educazione-  continua per la collettività-  e deterrente, con ciò che culturalmente rappresenta, per tutto ciò che riguarda intolleranze e violenza di ogni guerra che segnano nazioni e popolazioni.

 Da qui il forte messaggio contro ogni conflitto ed in particolare per quello che ultimamente sta sconvolgendo l’Ucraina che non è l’unico. Sofferenze- è stato detto- che hanno bisogno del coinvolgimento personale per sensibilizzare e promuovere continuamente la pace. Un unicum che ha necessità di essere tenuto accesso con coscienza e coinvolgimenti per dare ragioni e speranza.

Durante la stessa seduta il Consiglio comunale, con il voto favorevole della maggioranza e del presidente Santagata – si sono astenuti Forza Italia e Fratelli d’Italia, con Carlo Lo Prete, Sara Zicari ed Anna De Gaio – ha ratificato la deliberazione di Giunta comunale n.27 del 28 febbraio 2022 inerente una variazione al bilancio di previsione 2021/2023- annualità 2022, di 230mila euro che sono destinati al cosiddetto fondo per i debiti commerciali, previsto per legge; il punto è stato illustrato dal Sindaco Lo Polito il quale, articolando la relazioni con più informazioni possibili, ha precisato  la caratterizzazione tecnica dell’atto previsto nell’esercizio provvisorio e che  il mancato rispetto dei pagamenti non era dovuto ne’ a cattiva volontà o gestione dell’ente ne’ a problemi di cassa (dato che quella comunale viaggia con un segno più tra i 7 ed 8 milioni di euro) ma semplicemente da una carenza di personale che si ripercuote sui pagamenti.

Prima del voto hanno preso la parola per la minoranza i consiglieri Lo Prete e De Gaio; il rappresentante di Forza Italia ha lamentato l’appiattimento e la mancanza di un cambio di passo da parte dell’Amministrazione rispetto il particolare momento storico bisognoso di più slanci e strategie d’impegno. Sulla stessa linea la rappresentante di Fratelli d’Italia che ha richiamato pure l’assenza dell’Assessore al Bilancio. Per la maggioranza la consigliera Dorato, invece ha rimarcato la capacità dell’Amministrazione di operare in questo particolare frangente, fermo restando che migliori risposte si potranno dare con un aumento del personale su cui si sta già lavorando. All’inizio dei lavori sia il presidente del Consiglio che diversi consiglieri, di ambo le parti, si sono complimentati per le nuove strumentazioni tecnologiche che si è dotato l’ente nella Sala Consiliare grazie all’opera dell’Amministrazione attraverso la guida dell’Assessore Pasquale Pace e l’allestimento curato dal dipendente di segreteria Berardino Di Benedetto. Una dotazione all’avanguardia- è stato detto-  per supportare meglio il cambio dei tempi che deve affrontare la pubblica amministrazione con le rappresentanze e che la multimedialità offre ottimizzando i lavori e l’intera azione dell’assise municipale tra procedure, digitalizzazione, trasparenza ed immediatezza nelle comunicazioni di servizio tra uffici, consiglieri ed amministrazione. Intanto nella seduta si è votato con la classica e tradizionale alzata di mano; la prossima volta i consiglieri si cimenteranno pigiando l’apposito pulsante. Ma non è o sarà l’unica novità.

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più