mercoledì, Novembre 30, 2022
Home » Assunzioni in sanità. Laghi: “Tempo indeterminato e criteri trasparenti e condivisi”

Assunzioni in sanità. Laghi: “Tempo indeterminato e criteri trasparenti e condivisi”

by Redazione
0 commento

“Gli organi di stampa hanno diffusamente informato, nelle ultime settimane, sul fatto che siamo alla vigilia di assunzioni finalmente numericamente rilevanti nella sanità calabrese, grazie a risorse economiche di assoluto rilievo. “

Spero che la cosa si concretizzi al più presto – ha dichiarato il capogruppo in Consiglio regionale di “De Magistris Presidente”, Ferdinando Laghi –  e che le farragini amministrative non rallentino – come già accaduto in passato, a volte dolosamente – questo processo e che si effettuino assunzioni a tempo indeterminato. Ci sono, tuttavia, alcune altre cose da sottolineare. Ovviamente il programma di queste assunzioni parte dai dati “storici” delle Aziende sanitarie. Cioè quanti e quali reparti ci siano nelle varie strutture, quale il numero degli Operatori, quante le prestazioni fornite da ciascuna struttura e unità operativa. Ed è per questo che le ASP calabresi hanno inviato al Dipartimento regionale alla salute l’elenco dei cosiddetti fabbisogni, cioè delle necessità di personale previsto per cercare di risollevare il disastrato Servizio Sanitario Regionale (SSR).

Ci sono tuttavia delle “aree grige” e cose francamente non condivisibili in questo iter – continua il Consigliere Laghi. Tra le altre cose, desta perplessità la scelta di prendere a riferimento delle prestazioni effettuate, un anno – il 2021 – che, come ben sappiamo, è stato fortemente caratterizzato dalla pandemia da Covid-19 che ha stravolto l’andamento delle attività sanitarie, “privilegiando” così quei centri dotati di strutture per pazienti Covid e penalizzando tutti gli altri, da cui i pazienti con altre patologie si sono tenuti, per altro, in gran numero accuratamente lontani. Ma anche la lettura dei fabbisogni attribuiti alle ASP lascia qualche dubbio, in quanto, da alcune verifiche, non sempre ci sarebbe corrispondenza tra i dati forniti dalle singole Unità Operative e quelli elaborati per determinare i fabbisogni trasmessi al Dipartimento Regionale. E ancora, non appaiono immediatamente evidenti i criteri di attribuzione dei posti letto alle strutture ospedaliere né, il loro numero totale. Di questo e di altre questioni di programmazione sanitaria – ha concluso Laghi – parlerò tra qualche giorno con il Commissario Straordinario dell’ASP di Cosenza per dare e chiedere informazioni e contribuire, nella mia veste istituzionale di Consigliere regionale, alla tutela del diritto alla salute delle nostre popolazioni.” 

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più