mercoledì, Novembre 30, 2022
Home » Ottobre Rosa: informarsi per curarsi meglio

Ottobre Rosa: informarsi per curarsi meglio

by Redazione
0 commento

Anche quest’anno ottobre si tinge di rosa: in tutto il mondo questo è il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno in particolare, più in generale alla tutela della salute femminile.

Il tumore al seno, con circa 55 mila nuove diagnosi ogni anno, è la neoplasia più frequente nel sesso femminile rappresentando il 30% di tutte quelle che colpiscono le donne e il 14,6% di tutti i tumori diagnosticati nel nostro Paese; ad oggi, tuttavia, per questa patologia l’Italia presenta il miglior tasso di sopravvivenza che si attesta intorno all’88% a cinque anni, grazie alla diagnosi precoce che consente di predisporre le cure adeguate.

Purtroppo, a causa della pandemia che ha bloccato per un certo periodo l’attività di screening, si è registrato un rallentamento della corsa alla precocità della diagnosi che è fondamentale per la guarigione del tumore al seno.

In  considerazione di ciò, la responsabile Azzurro Donna Castrovillari Stella Gallicchio ha aperto un interessante dibattito in Forza Italia da cui è scaturita la decisione di promuovere un’iniziativa dedicata alla “prevenzione rosa”; in collaborazione con l’associazione Non Più Soli – impegnata a Castrovillari da più di vent’anni nella lotta contro i tumori, che ha offerto prontamente disponibilità – domenica 30 ottobre si è allestito un gazebo informativo per sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza della prevenzione oncologica e sono stati distribuiti questionari per avere un’idea di quanto ne sappiano le donne del nostro territorio sui tumori femminili.

Abbiamo appurato, inoltre, che in Calabria i programmi di screening sono attivi a macchia di leopardo, senza considerare la brusca frenata subita nei due anni di pandemia; a tal proposito Forza Italia, attraverso la propria responsabile Sanità Provinciale Valentina Amenta, intende presentare all’ASP e al Presidente Occhiuto, in qualità di Commissario alla Sanità, richiesta ufficiale d’inserire l’ospedale di Castrovillari nella rete dei centri per lo screening mammografico – determinante nella diagnosi precoce di carcinoma mammario – auspicando che lo stesso diventi presidio di riferimento nel campo dell’attività di prevenzione per tutto il territorio del Pollino.

Abbiamo constatato che solo sedici regioni italiane attualmente stanziano fondi a parziale o totale contributo per l’acquisto delle parrucche oncologiche, con notevole disparità tra il nord e il sud del Paese; poiché la Calabria non rientra tra queste e il costo oneroso non è per tutti sostenibile, solleciteremo la Regione in merito all’approvazione della proposta di un sussidio economico per l’acquisto di parrucche quale presidio sanitario a tutti gli effetti, di notevole importanza nel rimediare al danno estetico e nell’alleviare il conseguente grave disagio nelle relazioni quotidiane contribuendo alla ripresa della socialità del paziente e al miglioramento della qualità di vita.

Stella Gallicchio  – Coordinatrice Azzurro Donna Castrovillari-  Valentina Amenta  –  Responsabile Sanità Provinciale

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più