domenica, Marzo 3, 2024
Home » La castrovillarese Beatrice Limonti, primo violino di Ryta Ray

La castrovillarese Beatrice Limonti, primo violino di Ryta Ray

by Anna Rita Cardamone
0 commento

La cantautrice Estone, con 2 milioni di stream su Spotify.

Grandi talenti castrovillaresi si impongono sulla scena Nazionale ed Internazionale. E’ il caso di Beatrice Limonti, giovanissima violinista che continua il suo commino nel mondo dell’arte.


Qualche giorno fa in Gran Bretagna, è stata selezionata come violino solista, dalla cantante e compositrice Margarita Rayska in arte “Ryta Ray”, per il suo ultimo lavoro discografico che uscirà nel 2024.


Margaryta Rayska, ha vinto un concorso musicale organizzato dalla Lang Lang Foundation e ospitato dal cantautore di fama mondiale Guy Chambers. Premiata con un viaggio a Londra per una sessione di registrazione con Mr. Chambers nel suo studio Sleeper Sounds, ha registrato un singolo di debutto “Frequency of Love”. La cantante si è unita all’Abbey Road Institute e ha adottato lo pseudonimo creativo RYTA RAY. Attualmente sta costruendo una carriera internazionale e scrivendo nuove canzoni sotto la supervisione di mentori esperti e produttori del suono. Tuttavia, tutti i pensieri del cantante rimangono con l’Ucraina. Il sentimento prevale nei testi di Ryta per la canzone e nel video musicale di “Frequency of Love”, diretto da Nikita Kvasnikov. L’Ethos Studio, acclamato a livello internazionale, ha eseguito il color grading del video, dedicando tempo a “Frequency of Love” nel mezzo di un fitto programma di progetti A24.


Il singolo è stato recentemente vincitore per la migliore canzone originale, il miglior video musicale e la menzione d’onore per la migliore scenografia all’Indie Short Fest di Los Angeles.
Assieme a Beatrice Limonti, il quartetto d’archi inglese, “Quartetto Tyche”, era composto da Helen Newell (Violino secondo), Pippa Griffin (Viola) e Arina Brovanova (Violoncello).


La sessione di registrazione per il suo nuovo album è stata effettuata ad Abbey Road Studios a Londra nello studio 6 uno sono degli studi di registrazione creati nel 1931 dalla EMI a Londra e situati nell’omonima via dell’aristocratico quartiere di St John’s Wood che vide il 6 giugno 1962, il produttore discografico George Martin portare per la prima volta nello studio i Beatles, i quali avrebbero poi registrato qui assieme a lui, dal 1962 al 1969, circa il 90% del loro repertorio, e avrebbero intitolato il loro album del 1969 Abbey Road dal nome della via in cui sorgono gli studi.


RYTA RAY, sottolinea la castrovillarese, Beatrice Limonti, “mostra una morbida raffinatezza nel suo modo di scrivere. Per me è stato un privilegio ed un onore poter essere selezionato per questo nuovo progetto discografico. L’emozione raddoppiata quando ho varcato gli studi di Abbey Road, dove sono nati discograficamente i Beatles”.
In questo periodo, Beatrice, sta collaborando con diverse orchestre inglesi come spalla e violino di fila. Con la London Opera Company, London City Orchestra e Westminster Philarmonic Orchestra.


Ad Maiora Semper.

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più