venerdì, Giugno 21, 2024
Home » SEQUESTRATI OLTRE 60 MILA EURO PER UNA TRUFFA MESSA IN ATTO DA UN DIPENDENTE DEL MINISTERO DELLA CULTURA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI APPROVVIGIONAMENTO DEI BUONI PASTO

SEQUESTRATI OLTRE 60 MILA EURO PER UNA TRUFFA MESSA IN ATTO DA UN DIPENDENTE DEL MINISTERO DELLA CULTURA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI APPROVVIGIONAMENTO DEI BUONI PASTO

by Redazione
0 commento

Al termine di una complessa attività d’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Cosenza, i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Cosenza, coadiuvati dall’Arma territoriale, questa mattina, a Cosenza, Rende e Aprigliano,hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca diretta,di una somma di danaro di quasi 64 mila euro,profitto dei reati di truffa a danno dello Statofalsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubbliciricettazione e indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti.

Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Cosenza,più 7 decreti di perquisizione locale e personale,emessi dalla Procura della Repubblica di Cosenza nei confronti di altrettanti indagati.

I provvedimenti dell’A.G. scaturiscono dall’esito di un’indagine svolta dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, avviata lo scorso mese di aprile nei confronti di un funzionario della Direzione Regionale Musei Calabria del Ministero della Cultura, in pensione da gennaio scorso, che attestando il falso nella documentazione da lui redatta e sottoscritta, in qualità di responsabile del servizio di approvvigionamento dei buoni pasto, tra il 2021 ed il 2022 sarebbe riuscito a far accreditare cospicue somme di danaro sotto forma di buoni su 18 schede elettroniche, intestate ad ignari dipendenti della medesima Direzione Regionale Musei, in servizio presso altre articolazioni da essa dipendenti, dislocate in diverse località della regione Calabria, che non avevano diritto al beneficio e in alcuni casi erano addirittura in pensione da molti mesi, permettendo di documentare minuziosamente il consapevole indebito utilizzo dei buoni pasto anche da parte degli altri indagati, alcuni dei quali legati all’ex funzionario da vincoli di parentela, per acquistare generi alimentari in diversi supermercati della provincia di Cosenza.    

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più