giovedì, Aprile 18, 2024
Home » GIOVEDI SANTO

GIOVEDI SANTO

by Redazione
0 commento

A LUNGRO, IL GIOVEDI’ SANTO,  VANNO IN SCENA LE “KALIMERE”DELLA TRADIZIONE PARALITURGICA ARBËRESHE

Nell’ambito delle solenni celebrazioni della Settimana Santa, a Lungro, centro spirituale dell’Eparchia greco-bizantina, giovedì, si ripercorrerà il tradizionale rito dei cantiparaliturgici delle “Kalimere”, subito dopo la suggestiva funzione della lettura dei 12 Vangeli presso la cattedrale di San Nicola di Mira.

Quest’anno, a rendere ancora più speciale questa antica pratica di devozione popolare, sarà il trasporto dei canti paraliturgici per le vie del centro storico, a cura di un gruppo di cori eccezionali: la Corale greco-albanese “I Paradosis – G.B. Rennis”, il coro “VuxhëGrash” dell’Officina della Musica, la Proloco Arbëria ei gruppi“TëBukurit ka Ungra” e “TëPjekurit ka Ungra”. Le Kalimererisuoneranno per le strade del centro storico, partendo dalla maestosa cattedrale e attraversando luoghi simbolo come Piazza XVI Luglio e Via Vittorio Emanuele, per poi concludere il loro pellegrinaggio musicale in Piazza Nardó, conosciuta anche come “ka Burgu”.

Le “Kalimere” della Passione rappresentano uno dei momenti più toccanti e coinvolgenti della liturgia arbëreshe. Questi canti, tramandati di generazione in generazione, risuonano con una potenza emotiva che commuove e ispira. Esprimono la profonda devozione e il legame spirituale delle comunità arbëreshe con la Passione di Cristo, e il loro impatto è tangibile nell’atmosfera carica di emozione che permea la Chiesa di Lungro durante questa sacra occasione.

Il canto delle “Kalimere” non è solo un’espressione artistica, ma un momento di comunione e di riflessione per tutti coloro che partecipano. È un ponte tra il passato e il presente, un’opportunità per rinnovare il legame con le radici culturali e spirituali che definiscono l’identità delle comunità arbereshe.

L’evento del Giovedì Santo a Lungro è dunque un’occasione imperdibile per immergersi nella ricchezza delle tradizioni locali e per vivere un’esperienza unica di fede e di condivisione. Un momento che si unisce ai riti della Settimana Santa di Lungro, come il Venerdì Santo con all’imbrunire il Mattutino del seppellimento con le lamentazioni sul Cristo morto e solenne processione e il Sabato Santo con, al mattino, la divina liturgia con il Preannuncio della Resurrezione.Riti e tradizioni che fanno della cittadina sede dell’ex miniera di salgemma più antica d’Italia, un teatro di emozioni da vivere e visitare, grazie alla solenne e maestosa Cattedrale di San Nicola di Mira.

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più