giovedì, Febbraio 22, 2024
Home » Prima Edizione di “Fioritura delle arti” al Parco della lavanda

Prima Edizione di “Fioritura delle arti” al Parco della lavanda

by Redazione
0 commento

Ma che c’entra il violino con il tango? Se vi siete posti questo problema vedendo una locandina come quella del concerto di ieri al parco della lavanda, sappiate che Beatrice Limonti e Camillo Maffia hanno una risposta assai convincente a questa domanda. 

Sarà la versatilità della violinista, il senso del ritmo che ritrova in una terra in cui ha profonde radici  e dove spesso ritorna  da Londra per ascoltarne il richiamo delle origini, e (viene il dubbio) per risciacquare i timbri precisi della sua musicalità – che è sempre passione e mai sterile virtuosismo – nelle acque del Coscile. Ma sarà pure la capacità di Camillo, che percorre veloce la tastiera di uno strumento che lascia meno gioco nei toni rispetto al vìolino, e ha timbri più complessi ma più decisi, capacità dicevo di entrare in sintonia con uno strumento tanto diverso dal suo che evoca atmosfere e sensazioni di tutt’altro genere. 

Eppure è proprio la tensione tra queste diversità a creare qualcosa di inatteso e di totalmente nuovo che rompendo tutti gli schemi ti travolge e ti fa capire che nella musica non è mai detto tutto e che ogni formula nuova può sorprendere. 

In effetti, il carattere innovativo nel concerto di ieri lo trovi in ogni dettaglio: Nella scelta del contesto (il parco della lavanda),dove chi ha partecipato ha avuto la sensazione che non solo i suoni fossero in armonia tra loro, ma perfino i colori, gli odori e il volo delle api che sciamavano dalle arnie vicine. Ma questo è il potere segreto della musica che resta un principio ordinatore del mondo senza il quale non esisterebbe l’arte e nemmeno la civiltà. 

Ma lo ritrovi anche nella volontà di miscelare tre arti diverse. La lettura delle poesie di Enzo Oranges e di Rosanna D’Agostino (da parte di Vittorio Pio D’Agostino) che probabilmente non si aspettavano questo contesto per la fruizione dei loro versi, e nei colori sulla tela del pittore acrese Mimmo Intrieri, che abbozzava paesaggi montani durante la performance, positivamente condizionato dal contesto e dai colori lussureggianti della natura. “Fioritura delle arti” ha voluto intitolare la protagonista di questa manifestazione, il Mº Limonti, come a sottolineare che l’arte origina come moto spontaneo nelle latitudini più profonde dell’essere umano e assume un genere e una forma solo venendo in superficie, per trascinare colui che ne coglie il messaggio a fare il percorso inverso, in un solo attimo e senza l’intermediazione della coscienza, a cui ruba la capacità di interferire. Per questo siamo soliti dire che l’opera artistica produce un “rapimento” nello spettatore. 

I musicisti sembravano più che aver scelto dei brani, non essersi dati limiti. Siamo volati da Piazzolla a Liszt passando per Morricone ascoltando brani famosi e meno noti, perfino composizioni dello stesso Maffia. E gli spettatori ne sono usciti non paghi (come hanno fatto capire la richiesta di ulteriori brani), ma con la voglia di ascoltarne ancora di più. Poi il freddo e la notte hanno decretato la fine di quella inedita suite che speriamo continueranno a proporre anche in altri contesti.

Recensione di Raffaele Cirone

Potrebbe piacerti leggere anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

logo menabò bianco sx

Menabò nasce come supplemento di approfondimento, curiosità, notizie, con uno sguardo al nazionale, alla cronaca regionale ed ai fatti del territorio. Uno strumento snello, innovativo e fresco.

MENABÒ – Testata Giornalistica iscritta al r.d.s. n° 1/ 2017 – All Right Reserved. Progettato e sviluppato da MindResource

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetto Per saperne di più